Sito della Camera di commercio di Rieti - https://www.ri.camcom.it/

Premio Letterario Città di Rieti, presentazione del Premio Solitudine

21 June 2012

Stampa

Il presidente della Camera di Commercio di Rieti, Vincenzo Regnini, l’assessore comunale ai Beni Culturali, Gianfranco Formichetti e l’artista Gino Boy sono lieti di invitarVi alla conferenza stampa in programma domani 22 maggio 2009 alle ore 17,30 presso la Sala Consiglio della Camera di Commercio di Rieti (via Paolo Borsellino 16, II Piano) per la presentazione del Premio che verrà consegnato ai cinque finalisti della prima edizione del “Premio letterario Città di Rieti” dall’Ente camerale reatino.
L’opera dell’artista Gino Boy, i cui tratti verranno delineati dal giornalista Luca Francescangeli, è denominata “Solitudine” e consiste in una originale scultura in argento. “Il titolo dell’opera – spiega Gino Boy – rispecchia lo stato dell’uomo alla ricerca continua di se stesso. Solo nella solitudine, che non deve essere vista come una situazione di disagio ma un vero e proprio dono, l’uomo riesce a trovare l’equilibrio con il Divino”.

Ricordiamo che i cinque finalisti del Premio Città di Rieti promosso dal Comune di Rieti in collaborazione con la Camera di Commercio reatina, sono gli scrittori Chiara Gamberale, Diego De Silva, Salvatore Niffoi, Paolo Giordano ed Edoardo Montolli. I cinque artisti verranno premiati domenica 24 maggio 2009 sul palco del teatro Flavio Vespasiano, mentre subito dopo presso la Sala dei Cordari di Rieti (via Arco dei Ciechi, 22) si svolgerà la “Cena con gli autori” organizzata dalla Camera di Commercio di Rieti ed aperta, oltre che ai cinque finalisti ed ai giurati del Premio, anche a tutta la cittadinanza fino alla capienza massima di 200 posti e con una quota di partecipazione pari a 15 euro.

Per le prenotazioni (da effettuarsi tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 13 fino a venerdì 22 maggio) è necessario rivolgersi all’Ufficio Segreteria della Camera di Commercio di Rieti (tel. 0746/201364-5) chiedendo delle signore Marisa Di Placido o Silvana Santarelli.

L’Ufficio Stampa