.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Archivio News > News 2008 > CCIAA Rieti e Confartigianato, presentato libro sulla Sicurezza Alimentare
CCIAA Rieti e Confartigianato, presentato libro sulla Sicurezza Alimentare

Confartigianato Alimentazione Rieti e Camera di Commercio di Rieti hanno presentato oggi nel corso di un convegno presso la sede dell’ente camerale reatino il manuale “Nuove misure di prevenzione nella sicurezza alimentare-Norme di igiene”. “Per anni – ha spiegato il vicepresidente della CCIAA reatina, Giuliano Pizzocchia - tutti noi abbiamo operato attribuendo un valore solo a ciò che era tangibile, materiale. Ebbene, i tempi sono cambiati, perché oggi siamo in quella fase in cui il valore viene accresciuto dalla qualità dei beni e dei servizi con cui abbiamo a che fare, dalle certificazioni che testimoniano l’attenzione prestata ad ogni fase della produzione ed alle responsabilità dei soggetti coinvolti, in considerazione dell’influenza che tali processi hanno sulla salute dell’uomo. Ecco quindi che al puro rispetto delle normative in vigore si affianca un’azione dell’uomo volta a migliorare il livello qualitativo e di sicurezza di quanto offerto a beneficio sia dei consumatori sia delle imprese virtuose che partecipano a questa filiera aumentandone il livello competitivo”. “Il comparto dell’alimentazione è tra i più importanti della realtà provinciale – ha precisato Sauro Antonelli - e si è andato sempre più caratterizzando per la rilevanza del ruolo dell’impresa artigiana in tutti le fasi della filiera.

Grandi cambiamenti nei rapporti tra produzione e distribuzione, dovuti al rafforzamento del potere contrattuale della grande distribuzione organizzata, stanno però obbligando le imprese operanti in questo comparto a modificare le proprie strategie”. Una situazione di cambiamento lungo la filiera che, come spiegato dal segretario nazionale di Confartigianato Alimentazione, Arcangelo Roncacci, “unitamente al deciso processo di maturazione da parte del consumatore, sempre più esigente sia per gli aspetti qualitativi, che per quelli igienico salutisti, hanno spinto il legislatore ad operare una revisione delle normative che pongono particolare attenzione a tematiche quali la sicurezza e la qualità degli alimenti ed in questo contesto è fondamentale la responsabilità che ricade sul titolare dell’impresa che si troverà ad affrontare le problematiche relative alla sicurezza alimentare con particolare attenzione perché queste rappresentano un punto centrale per la tutela della salute pubblica”. Relatori dell’incontro anche il direttore della Confartigianato Imprese Rieti, anche Maurizio Aluffi, che ha illustrato “il triplice ruolo della Confartigianato reatina nella difesa della categoria artigiana, nella promozione della conoscenza normativa e nella creazione d’impresa”, ed il preside dell’Istituto professionale di Stato per i servizi alberghieri e della ristorazione di Rieti, Giuseppe Rossi, che ha ribadito l’importanza dell’istituto alberghiero reatino “molto all’avanguardia che attira ogni anno giovani provenienti da ogni parte d’Italia”.

Il responsabile Ufficio Categorie di Confartigianato Imprese Rieti, Matteo Corradini, è invece entrato nel vivo del documento prima di aprire il dibattito. “Le recenti normative nel settore della sicurezza alimentare, come i Regolamenti 852, 853 e 854/2004 (“pacchetto igiene”) che mantengono l’impostazione delle Direttive alla base del D.Lgs 155/97, - ha spiegato Corradini - prevedono un controllo lungo tutta la filiera produttiva e distributiva degli alimenti, allo scopo di garantirne la salubrità e le caratteristiche organolettiche e nutrizionali, a tutela del consumatore e del mercato. In quest’attività di controllo un ruolo centrale è affidato agli operatori dell’industria alimentare che dovranno garantire la sicurezza dal campo alla tavola, effettuando il controllo delle materie prime, dello stoccaggio, della lavorazione, della trasformazione, del trasporto fino alla somministrazione, definendo responsabilità precise per ognuna di queste fasi”. “Per avere alimenti più sicuri – ha proseguito - è prevista una ripartizione delle responsabilità.

I recenti sviluppi della normativa alimentare richiedono che il controllo sulla sicurezza degli alimenti sia articolato su livelli diversi: un livello esterno, rappresentato dalle Autorità di controllo e uno interno rappresentato dal titolare dell’industria alimentare o dal suo delegato. Quindi assume una particolare rilevanza la formazione degli alimentaristi nella gestione delle procedure e nell’applicazione dei principi del sistema stesso quale strumento di prevenzione nelle malattie trasmesse da alimenti ed il manuale presentato oggi è un esempio di strumento ausiliario alla formazione”. Per avere una copia gratuita del libro è possibile contattare Confartigianato Imprese Rieti al numero tel. 0746/491435.

L’Ufficio Stampa

 

Data di pubblicazione: 01/04/2008 15:14
Data di aggiornamento: 22/06/2012 15:15

News 2008 contiene: