.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Archivio News > News 2008 > Comunicato congiunto provincia Camera di Commercio
Comunicato congiunto provincia Camera di Commercio

Siglato oggi nella sala Consiliare della Provincia un accordo per la certificazione della qualità dell'offerta turistica tra Istituto nazionale ricerche turistiche (Isnart), Provincia di Rieti, Rieti Turismo Spa, Apt, Camera di Commercio di Rieti e Cammini d'Europa. L'obiettivo è quello di avviare un progetto pilota di accreditamento coordinato all'uso dei marchi "Q-Qualità ospitalità italiana" e "Cammini d'Europa" da realizzare in provincia di Rieti, valorizzando le singole esperienze in campo turistico offerte dai soggetti coinvolti.

Il progetto prevede l'analisi delle due procedure di accreditamento, la definizione di una procedura condivisa, che favorisca la valorizzazione congiunta dei due marchi nel rispetto delle rispettive prerogative, la definizione delle modalità tecnico-operative di attuazione del progetto e delle modalità di promozione e pubblicizzazione. Previste anche attività di verifica, esame dei risultati, di completamento e promozione dell'attività di accreditamento e di determinazione delle tempistiche di attuazione del progetto.

L'accordo (vedi pdf allegato) è stato sottoscritto dal presidente della Provincia, Fabio Melilli, dal direttore generale dell'Isnart, Giovanni Cocco, dal presidente della Camera di Commercio di Rieti, Vincenzo Regnini, dal Commissario straordinario dell'Apt, Tersilio Leggio, dal presidente della società Rieti Turismo, Dante D'Angeli, e dal presidente dei Cammini d'Europa, Maria Carmen Furelos Gaitero.
"Si tratta di due importanti strumenti - ha affermato il presidente della Provincia Fabio Melilli - per lo sviluppo dei nostri attrattori turistici, penso in particolare alla Via Francigena e al Cammino di Francesco. La certificazione della qualità sul lavoro che finora abbiamo svolto è un ulteriore riconoscimento che ci permetterà di migliorare l'offerta e trovare nuovi canali di promozione. Ritengo che il lavoro che ci è stato presentato, inoltre, dall'Università della Calabria - prosegue Melilli -, che punta all'aggregazione di domanda ed offerta a supporto del commercio collaborativo nell'agroalimentare, sia uno spunto su cui riflettere e su cui investire vista anche la spiccata vocazione del nostro territorio in tema di produzioni agroalimenatari. Sono d'accordo perciò - conclude il presidente della Provincia - che si debba puntare non solo sulla valorizzazione del paesaggio ma anche al sostegno del commercio dei prodotti tipici".

"Rieti ha già delle sue dotazioni naturalistiche importanti, un substrato interessante che può essere messo insieme generando quella emozionalità che il turista vuole vivere. – ha detto il direttore generale dell'Isnart, Giovanni Cocco - Ci sono inoltre dei valori del territorio difficilmente ritrovabili in termine di accoglienza. Analizzare cosa riceve di tutto questo il cliente è il nostro obiettivo. La nostra non è una certificazione di processo ma di servizio al cliente".
"La nostra finalità - ha affermato il presidente della Camera di Commercio di Rieti, Vincenzo Regnini - è quella di promuovere una generale crescita degli operatori turistici locali, con particolare attenzione a quelli che si trovano lungo i Cammini di fede, attraverso varie modalità tra cui anche l'adesione a marchi di qualità. Marchi come il "Q-Ospitalità italiana-Isnart", certificazione promossa dalle Camere di commercio per accrescere l'offerta ricettiva e ristorativi di qualità in Italia, che punta a promuovere il miglioramento della qualità dell'accoglienza turistica. Il marchio è già attivo nel Reatino ed ha visto negli ultimi tre anni la certificazione di 20 strutture tra hotel, ristoranti e agriturismo".

Nel corso dell'incontro sono state anche presentate alcune esperienze pilota avviate dal Laboratorio di ingegneria economico-gestionale (GiudaLab) dell'Università della Calabria (vedi allegato pdf) che puntano all'aggregazione di domanda ed offerta a supporto del commercio collaborativo nell'agroalimentare, al fine di consentire ai produttori locali di proporre un'offerta aggregata a gruppi di acquisto di consumatori. Un legame, quello tra il nuovo protocollo ed il progetto presentato, ribadito dal direttore di Rieti Turismo spa, Guido Tariciotti, che ha affermato che "il percorso di riqualificazione dell'offerta turistica legata sia al canale spirituale che a quello naturalistico, passa necessariamente non solo dalla valorizzazione del paesaggio e dei cammini di fede ma anche dalla riscoperta della cultura, della stratificazione del sapere, dei prodotti tipici del territorio".

A presentare il progetto il professor Antonio P. Volpentesta della facoltà di ingegneria dell'Università della Calabria e presidente di Platonet srl, la società realizzatrice di piattaforme tecnologiche e modelli gestionali in tema di gruppi di acquisto, aggregazione di produttori locali e filiere corte incentrate sulla necessità di aumentare la qualità dei prodotti agroalimentari e di ridurre gli sprechi e i costi finali. Un progetto che potrebbe ottenere finanziamenti anche in provincia di Rieti ad esempio attraverso il Piano di sviluppo rurale ed i Piani integrati di filiera, coinvolgendo il Distretto rurale della montagna ed i produttori locali.

"Abbiamo a disposizione importanti masse finanziarie sul territorio in questo momento storico – ha aggiunto Regnini – e riteniamo che sia finito il tempo dei finanziamenti a pioggia, mentre verranno premiate le capacità progettuali in una logica di competizione dei territori. Definito quindi il quadro normativo, è quindi necessario che il sistema delle imprese, sollecitate dagli organismi che le rappresentano, si attivino concretamente. Nella consapevolezza che altri treni non passeranno".

Rieti, 30 luglio 2008
Fabrizio Colarieti
Ufficio Stampa Provincia di Rieti
Mob. 348/1551445 Uff. 0746/286301

 

Data di pubblicazione: 31/07/2008 12:14
Data di aggiornamento: 22/06/2012 12:16

News 2008 contiene: