.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Archivio News > News 2010 > Rifiuti, partitta la rivoluzione del MUD
Rifiuti, partitta la rivoluzione del MUD

In questi giorni le aziende sperimenteranno la coesistenza dei due sistemi

E’ partita la rivoluzione nel sistema di gestione dei rifiuti, che porterà anche le aziende reatine a dover modificare le proprie modalità di gestione, in quanto formulari, registri e Mud (Modello unico di dichiarazione ambientale) sono destinati ad essere progressivamente sostituiti dal nuovo sistema telematico.
A renderlo noto è la Camera di Commercio di Rieti che, una volta chiarite a livello ministeriale le corrette procedure tecniche, organizzerà d’intesa con le associazioni di categoria un seminario specifico per agevolare le imprese in questa complessa fase di transizione che porterà ad un maggiore controllo dei flussi di rifiuti, monitorandoli in ogni fase del loro percorso, con un ruolo determinante svolto dai carabinieri del Noe.

“Una fase che non modificherà le modalità in vigore per il Mud 2010, che come avvenuto finora dovrà essere presentato presso la Camera di Commercio di Rieti entro il 30 aprile 2010 – spiega Vincenzo Regnini, presidente dell’Ente camerale reatino – ed all’interno del quale dovranno essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attività economiche, quelli raccolti dal Comune e quelli smaltiti, avviati al recupero o trasportati nell’anno precedente la dichiarazione”.

Dal mese di gennaio 2010, invece, la rivoluzione è iniziata con alcune scadenze in vista già nei prossimi giorni. Una parte consistente delle imprese e degli enti che producono rifiuti e tutti gli operatori del settore sono infatti tenuti ad iscriversi al sistema Sistri, a versare un canone annuale di utilizzo del servizio, a ritirare una chiavetta Usb (che verrà rilasciata dalle Camere di Commercio) che conterrà il software necessario al funzionamento del sistema e una firma digitale e, nel caso dei trasportatori, a installare sui mezzi una black box, un dispositivo di localizzazione satellitare che garantisce la tracciabilità del carico. In particolare entro il 13 febbraio è prevista l’iscrizione al Sistri per le officine (elettrauto) che intendono entrare nell’elenco delle imprese autorizzate a installare le black box.

Il 28 febbraio ed il 30 marzo sono infine le prime scadenze che le aziende dovranno rispettare per l’iscrizione al nuovo sistema.
Maggiori informazioni sul sito del Sistri www.sistri.it.

L’Ufficio Stampa

 

Data di pubblicazione: 09/02/2010 12:24
Data di aggiornamento: 21/06/2012 12:26