.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Registro Imprese e Albi > Albo delle Imprese Artigiane > Artigianato Artistico e Tradizionale
Artigianato Artistico e Tradizionale

Sono considerate lavorazioni artistiche e tradizionali le creazioni, le produzioni e le opere di elevato valore estetico o ispirate a forme, modelli, decori, stili e tecniche che costituiscono gli elementi tipici del patrimonio storico e culturale, anche con riferimento a zone di affermata ed intensa produzione artistica, tenendo conto delle innovazioni che, nel compatibile rispetto della tradizione artistica, da questa prendano avvio e qualificazione, nonché le lavorazioni connesse alla loro realizzazione.

Sono considerate lavorazioni tradizionali le produzioni e le attività di servizio realizzate secondo tecniche e modalità consolidate, tramandate nei costumi e nelle consuetudini a livello locale o regionale.

Le imprese artigiane, iscritte all’Albo da almeno 3 anni, operanti in uno dei settori tutelati individuati nel Regolamento alla LR 3/2015 (allegato A) che realizzino prodotti o prestazioni di servizi connotati dagli elementi essenziali indicati nel summenzionato allegato A, possono chiedere alla Commissione Provinciale per l’Artigianato il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale, presentando la relativa domanda.

Riferimenti Normativi

L.R. n. 3 del 17/02/2015

Regolamento Regionale n.17 del 04/08/2016

Settori tutelati e modulistica

Requisiti

  • iscrizione all’Albo provinciale delle imprese artigiane da almeno 3 anni - decorrenti dalla data di adozione del provvedimento della Commissione Provinciale per l’Artigianato (CPA) – per uno dei settori tutelati per i quali la Commissione regionale per l’artigianato de Lazio (CRA) ha adottato il relativo disciplinare di produzione;
  • produzione riconducibile per tipologia, caratteri e qualità alle caratteristiche previste dai disciplinari di produzione;
  • nel caso di consorzi è necessario che almeno i 4/5 delle imprese partecipanti al consorzio abbiano ottenuto il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale.

Domanda di partecipazione

Il titolare dell’impresa individuale ovvero il socio amministratore nel caso di imprese con assetto societario presenta la domanda di riconoscimento alla Commissione Provinciale per l’Artigianato compilando l’apposito modello da allegare alla pratica telematica ComUnica unitamente a:

  • curriculum professionale del titolare dell’impresa individuale o di uno dei soci che prendono parte manualmente al lavoro ( curriculum ) ;
  • relazione tecnica descrittiva delle fasi produttive e delle tecniche di lavorazione utilizzate;
  • documentazione fotografica attestante la dotazione strumentale del laboratorio e dei manufatti o prodotti che in esso vengono realizzati;
  • ogni altra documentazione idonea a certificare l’attività artistico-tradizionale svolta dall’impresa.

La domanda deve essere in regola con l’imposta di bollo (€ 16,00) e con il versamento dei diritti di segreteria (€ 15,00).

Il termine per la conclusione del procedimento di riconoscimento è di 60 giorni dalla data di presentazione della domanda.

Il termine di 60 giorni, può essere sospeso, ai sensi dell’art. 2) c. 7 della L. 241/1990 e smi, in caso di richiesta di documentazione integrativa.

Il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale avviene mediante annotazione nell’Albo delle Imprese Artigiane. e da diritto all’utilizzo del Contrassegno di appartenenza.

Ricorsi

Avverso i provvedimenti di diniego di riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale è ammesso ricorso alla Commissione Regionale per l’Artigianato nel termine di sessanta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento impugnato.

Contrassegno di appartenenza

Le imprese artigiane che hanno ottenuto il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale possono avvalersi del contrassegno di appartenenza di cui all’art.14 della L.R.3/2015.

Il contrassegno deve essere utilizzato nella forma e con le modalità anche grafiche previste, senza modificazione di sorta, solo per la propria impresa, essendo esclusa la facoltà di autorizzazione a terzi, compresi eventuali subfornitori, ad utilizzare il riconoscimento in qualunque modo e forma.

E’ vietata l’apposizione del contrassegno su prodotti finiti acquistati da soggetti terzi.

Data di pubblicazione: 10/04/2017 13:59
Data di aggiornamento: 10/04/2017 14:49