.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Ruolo dei periti ed esperti

NORMATIVA
R.D. n. 2011 del 20.09.1934; d.lgs n. 315 del 21.09.1944; D.M. 29.12.1979 – Nuovo regolamento tipo per la formazione del Ruolo Periti ed Esperti presso le Camere di Commercio.

LE FUNZIONI
Il Ruolo dei Periti e degli Esperti ha funzioni di pubblicità conoscitiva, cioè di far conoscere le persone ritenute idonee ad effettuare perizie in determinate categorie merceologiche senza attribuire alcuna qualificazione esclusiva.
A norma del vigente regolamento, i Periti e gli Esperti iscritti nel Ruolo esplicano funzioni di carattere prevalentemente pratico con esclusione di quelle attività professionali per le quali sussistono Albi regolati da apposite disposizioni.
Infatti le persone iscritte sono ritenute idonee ad effettuare perizie in determinate categorie merceologiche.
Il Ruolo è distinto in categorie (vedi allegato)

REQUISITI
L’aspirante all’iscrizione deve presentare domanda in bollo, alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Rieti  comprovante che:

  • ha compiuto 21 anni di età;
  • è cittadino di uno degli stati membri dell’Unione Europea ovvero è residente nel territorio della Repubblica Italiana;
  • è residente nella circoscrizione della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Rieti,;
  • ha assolto gli obblighi derivanti dalle  norme relative alla scuola dell’obbligo vigenti  al momento dell’età scolare dell’interessato, conseguendo il relativo titolo.
  • Se cittadino di uno degli stati membri della Comunità  Economica Europea, ovvero residente nel territorio della Repubblica Italiana, l’aspirante deve allegare alla domanda l’originale o una copia autenticata del titolo di studio che l’autorità diplomatica o consolare italiana, competente per il territorio, per il tramite  del Ministero degli Affari Esteri., abbia riconosciuto corrispondente per tipo e durata  degli studi  a quello richiesto per i cittadini italiani.
  • gode dell’esercizio di diritti civili.

L’aspirante  deve inoltre dichiarare di non essere stato dichiarato fallito e di non aver subito condanne per delitti contro la pubblica amministrazione,  l’amministrazione della giustizia, l’ordine pubblico, la fede pubblica, l’economia pubblica, l’industria e il commercio ovvero per delitto di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione e per ogni altro delitto non colposo per il  quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni o, nel massimo, a cinque anni, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione.
 
DOMANDA PER L’ISCRIZIONE
E’ necessario presentare una domanda in bollo, come da fac-simile allegando:

  1. tutta la documentazione ritenuta idonea a comprovare la professionalità acquisita nelle categorie richieste. (Nella domanda devono essere indicate le categorie e sub categorie  per le quali l’aspirante intenda esercitare le funzioni di perito o di esperto. L’iscrizione non può aver luogo per più di tre categorie e sempre che tali categorie siano affini tra loro);
  2. attestazione del versamento dei diritti di segreteria.

L’apposita Commissione  nel caso ritenga, a suo insindacabile giudizio, che i titoli e i documenti esibiti non siano sufficienti a comprovare l’idoneità dell’aspirante all’esercizio di perito ed esperto nelle categorie e sub categorie per le quali il medesimo richiede l’iscrizione, ha facoltà di sottoporre il candidato ad un colloquio. Ai fini del colloquio la Commissione potrà avvalersi di persone di riconosciuta competenza in materia.
La domanda viene esaminata, entro 60 gg. dall’apposita Commissione.
Avverso le decisioni adottate è ammesso ricorso amministrativo entro 30 gg. innanzi al Ministero dello Sviluppo Economico o ricorso giurisdizionale entro 60 gg. al T.A.R. o al Giudice ordinario a seconda che si ritenga sia stato leso un interesse legittimo  o un diritto soggettivo.
All’esito positivo della domanda l’interessato  dovrà effettuare il versamento delle CC.GG. sul c/c postale n.8003 intestato all’ Ufficio Tasse Concessioni Governative Roma.

 

Data di pubblicazione: 13/06/2012 09:50
Data di aggiornamento: 18/03/2014 13:22