.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Comunicazione > News > Assemblea nazionale Camere di Commercio a Rieti, Regnini: "Bene Fondo Solidarietà 2,5 milioni di euro"
Assemblea nazionale Camere di Commercio a Rieti, Regnini: "Bene Fondo Solidarietà 2,5 milioni di euro"

“Esprimo grande soddisfazione per la presenza così numerosa a Rieti da parte dei presidenti delle Camere di Commercio di tutta Italia in occasione dell’Assemblea nazionale dei presidenti degli Enti camerali, che ha confermato anzitutto la dotazione dei primi 2,5 milioni di euro all’interno del Fondo di Solidarietà attivato da Unioncamere per gli interventi a favore delle aree colpite dal sisma”.

Lo ha dichiarato il presidente della Camera di Commercio di Rieti, Vincenzo Regnini, al termine dell’Assemblea nazionale che si è svolta a Rieti, alla Sala dei Cordari, preceduta, presso l’Ente camerale di Rieti, dall’Ufficio di Presidenza e dal Comitato Esecutivo a cui hanno partecipato anche alcuni rappresentanti istituzionali tra cui il Prefetto di Rieti, Valter Crudo, il Vescovo di Rieti Monsignor Domenico Pompili, il consigliere regionale Daniele Mitolo, la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, il presidente della Provincia di Rieti, Giuseppe Rinaldi, il sindaco di Rieti, Simone Petrangeli, l’assessore comunale Bruno Porro (Amatrice) in rappresentanza dei Comuni di Accumoli e Amatrice. Anche i deputati Fabio Melilli ed Oreste Pastorelli, impegnati nei lavori della Camera, hanno voluto testimoniare la loro partecipazione all’evento interfacciandosi telefonicamente con il presidente nazionale di Unioncamere Ivan Lo Bello, a margine dell’Assemblea.

Un’Assemblea nazionale che è stata anche l’occasione per fare il punto sulla riforma istituzionale in discussione, che vede una rivisitazione del ruolo e della strutturazione della rete delle Camere di Commercio. “E’ stata ribadita da tutto il Sistema camerale la necessità di un’attenzione ai territori – ha aggiunto Regnini – e tutti i presenti hanno sottolineato il fatto che non c’è alcuna resistenza al cambiamento ma la volontà di interpretare il cambiamento affinché le aree marginali possano avere adeguate risorse da investire nello sviluppo”.

 

 

Data di pubblicazione: 27/10/2016 08:31
Data di aggiornamento: 27/10/2016 08:44

News contiene: