.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Comunicazione > News > On line l'avviso pubblico del Sistema Locale del Lavoro di Rieti Il presidente Regnini: " Importante avere manifestazioni di interesse puntuali per calibrare i futuri bandi "
On line l'avviso pubblico del Sistema Locale del Lavoro di Rieti Il presidente Regnini: " Importante avere manifestazioni di interesse puntuali per calibrare i futuri bandi "

Al fine di definire al meglio le modalità di investimento delle risorse a disposizione e di sviluppare un Accordo di Programma complessivo per il sostegno e il rilancio e sviluppo del Sistema Locale del lavoro dei 44 comuni della provincia di Rieti (Accumoli, Amatrice, Antrodoco, Ascrea, Belmonte in Sabina, Borbona, Borgo Velino, Cantalice, Casaprota, Castel di Tora, Castel Sant’Angelo, Cittaducale, Cittareale, Colle di Tora, Colli sul Velino, Concerviano, Contigliano, Fiamignano, Frasso Sabino, Greccio, Labro, Leonessa, Longone Sabino, Marcetelli, Micigliano, Monte San Giovanni in Sabina, Monteleone Sabino Montenero Sabino, Morro Reatino, Orvinio, Paganico, Petrella, Poggio Bustone, Poggio Moiano, Poggio Nativo, Poggio San Lorenzo, Posta, Pozzaglia Sabina, Rieti, Rivodutri, Roccasinibalda, Scandriglia, Torricella in Sabina, Varco Sabino) per i quali è stato acclarato un complesso stato di crisi, la Camera di Commercio di Rieti promuove l'Avviso pubblico messo a punto dal Comitato Permanente di Sviluppo Economico, Lavoro e Attività Produttive di Rieti, per la manifestazione di interesse ad investire finalizzato alla ricognizione dei fabbisogni. Gli interessati potranno aderire inviando entro il 30 maggio un progetto di investimento reale.

L’obiettivo primario è la rioccupazione dei lavoratori impiegati presso le aziende in crisi attraverso la riconversione delle stesse e favorendo nuovi investimenti nel capitale di rischio. Tra le azioni previste dall’Accordo: l’attrazione ed il sostegno alla realizzazione di nuovi investimenti produttivi nell’area geografica di riferimento; il rafforzamento dei contesti economici locali, anche in termini di qualità di processo e di prodotto dei settori trainanti l’attuale struttura produttiva; il favorire la sostenibilità dello sviluppo, l’inserimento ambientale delle iniziative produttive ed il recupero del territorio già impegnato da attività dismesse e da fattori inquinanti, in linea con le agende strategiche comunitarie in tema di ambiente, protocollo di Kyoto 2020 e Horizon 2020 – Programma Europeo per la ricerca e l’innovazione; interventi di sostegno alle categorie svantaggiate ed, in particolare, alle donne che fanno impresa; interventi di riqualificazione professionale dei lavoratori provenienti da aziende in crisi.

 Le dichiarazione di interesse vanno inviate compilando la “Scheda di manifestazione di interesse”, in allegato , dove è possibile consultare anche il testo integrale dell’avviso pubblico. I progetti potranno riguardare complessivamente la realizzazione di nuovi insediamenti produttivi, l’ampliamento delle imprese esistenti; la riconversione di attività produttive esistenti; i servizi avanzati e programmi di Ricerca & Sviluppo ed il sostegno alle imprese; il completamento, realizzazione, manutenzione e gestione infrastrutture esistenti; la salvaguardia e riqualificazione ambientale.  

“Dopo una prima fase di elaborazione e confronto che ha portato ad individuare parte della provincia di Rieti tra le aree nell’ambito della quale si può realizzare l’accordo di programma – dice il presidente della Camera di Commercio Vincenzo Regnini -  finalizzare ora l’impiego dei 20 milioni nel modo più funzionale possibile è estremamente necessario. E’ importante, quindi, avere manifestazioni puntuali di interesse che permettano di calibrare i futuri bandi. L’auspicio è che tutto ciò possa avvenire con un accordo ampio tra datori di lavoro e sindacati dei lavoratori al fine di coadiuvare l’apprezzato sforzo della Regione Lazio. La camera di Commercio di Rieti si è messa, fin dal primo momento, a disposizione per sostenere questo importante processo di rilancio. Si tratta di una carta che non consideriamo né l’ultima né l’unica perché deve essere affiancata da altri finanziamenti e scelte che permettano di far ripartire l’economia del territorio a cui, a brevissimo, sarà necessario riuscire ad affiancare lo sblocco dei debiti della pubblica amministrazione tale da creare una massa finanziaria critica che rappresenti uno ‘shock’ per il territorio”.

Muduli Allegati:

Accordo di Programma

Scheda di Manifestazione di Interesse

Data di pubblicazione: 28/04/2014 09:35
Data di aggiornamento: 28/04/2014 12:17

News contiene: