.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Home > Regolazione del mercato > Registro informatico dei protesti
Registro informatico dei protesti

Si avvisa che la visura dei protesti rilasciata da questa Camera potrebbe risultare incompleta per i protesti levati in provincia di Rieti , circondario di Poggio Mirteto, a causa del mancato invio dei bollettini dei protesti da settembre 2009 da parte degli Ufficiali Giudiziari dell’Ufficio Notifiche Esecuzioni e Protesti di Poggio Mirteto.
La Camera di Commercio provvede mensilmente alla pubblicazione dell'Elenco Ufficiale dei Protesti Cambiari per mancato pagamento di vaglia cambiari  e cambiali, tratte accettate e assegni bancari, elevati nella provincia dai vari ufficiali levatori, i quali hanno l'obbligo di trasmettere il loro elenco mensile il giorno successivo alla fine di ogni mese.
Presso l'ufficio protesti possono essere rilasciate, previa richiesta scritta su modulo predisposto, visure (con pagamento di € 2,00 di diritti di segreteria) o certificazioni (in bollo e con pagamento di € 5,00 di diritti di segreteria) relative alla sussistenza di protesti, indicando specificatamente le province ed i nominativi sui quali si intende effettuare la ricerca.
Il debitore che esegue il pagamento di una cambiale tratta o di un vaglia cambiario (cambiale), entro 12 mesi dal protesto, può chiedere la cancellazione definitiva dal Registro presentando domanda in bollo alla Camera di Commercio, corredata del titolo quietanzato, dall'atto di protesto e dalla attestazione di versamento  dei diritti di segreteria prescritti (€ 8,00 per ogni protesto registrato).                                                                                                                                                       Il versamento dei diritti di segreteria e/o tariffa può essere effettuato indistintamente con le seguenti modalità:

1) Allo sportello esclusivamente tramite POS (bancomat, postamat, carta di credito esclusa American Express);

2)Tramite PagoPa sul Sistema di pagamenti online dell’Ente, selezionando il servizio “Protesti” , indicando nella casuale il tipo di richiesta della cancellazione protesti,  compilando poi i campi  previsti aggiungendo l’importo e tutti i dati anagrafici del pagante. Alla Fine dell’ inserimento dei dati verrà automaticamente generato l'avviso di  pagamento;

3)Tramite avviso di pagamento PagoPA la cui emissione deve essere richiesta  all’ufficio  Registro Imprese all'indirizzo mail registro.imprese@ri.camcom.it.,  tale avviso, contenente  anche le indicazioni per il pagamento, sarà trasmesso al richiedente tramite posta elettronica all'indirizzo mail comunicato.

Analoga domanda può essere presentata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente, nonché dagli stessi ufficiali levatori, quando la levata del protesto sia stata illegittima o erronea.
Il protestato che abbia adempiuto all'obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non abbia subito ulteriore protesto, ha diritto di ottenere, trascorso un anno dal protesto, la riabilitazione. La riabilitazione viene accordata dal Presidente del Tribunale. Il protestato riabilitato ha diritto di ottenere la cancellazione dal Registro Protesti presentando domanda in bollo, corredata del provvedimento di riabilitazione, alla Camera di Commercio.
In mancanza di cancellazioni o sospensioni, la notizia di ciascun protesto è conservata nel Registro per 5 anni dalla data della registrazione.

Modulistica: per la modulistica di riferimento clicca qui.


Per maggiori informazioni rivolgersi:
Ufficio Protesti
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Rieti

Via Paolo Borsellino n.16
02100 RIETI
0746201364 Fax 0746205235

RIFERIMENTI NORMATIVI

  1. Legge 12/2/1955 n.77 "Pubblicazione degli Elenchi dei protesti Cambiari"
  2. Legge 12/6/1973 n.349 "Modificazioni alle norme sui protesti delle cambiali e degli assegni bancari".
  3. D.L. 18/9/1995, n.381 coordinato con la Legge di conversione 1511/1995 n. 48 recante "Disposizioni urgenti in materia di finanziamento delle Camere di Commercio" (art. 3-bis).
  4. Legge 7/3/1996, n.108 "Disposizioni in materia di usura" (artt. 17 e 18).
  5. Legge 18 agosto 2000, n.235 "Nuove norme in materia di cancellazione dagli elenchi dei protesti cambiari".
  6. D.M. 9 agosto 2000, n.316.


 

Data di pubblicazione: 13/06/2012 13:43
Data di aggiornamento: 16/03/2021 12:21