.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Vai al nuovo sito
Programma 2022

L’orientamento programmatico assunto per il 2022 vedrà l’Azienda Speciale operare autonomamente ed a supporto della Camera di Commercio, in un’ottica di rete con il sistema camerale e con i partner territoriali.

Forte sarà il contributo dell’Azienda Speciale in favore della Camera di Commercio nelle attività volte a favorire lo sviluppo economico del territorio e l’ economicità delle imprese. E’ proprio su questa linea di intervento che la Camera costruisce i propri obiettivi strategici.

Nell’ambito di tale macro area, l’Azienda Speciale opererà  mediante:

-          Attività da realizzare su incarico della Camera di Commercio;

-          Attività proprie da realizzare con il contributo della Camera di Commercio;

-          Attività proprie da realizzare con il contributo dei partecipanti o degli Enti e Istituzioni affidatarie.

 

Nell’attuazione di progetti ed iniziative a sostegno delle imprese e delle istituzioni locali, è possibile evidenziare 3  aree di intervento:

  1. Sviluppo Economico e competitività delle imprese

A sua volta dettagliato in :

A1. Sviluppo imprenditoriale;

A2. Internazionalizzazione;

A3. Sviluppo locale e marketing.

  1. Formazione
  2. Supporto Servizi camerali

A) Sviluppo Economico e competitività delle imprese

A1) Sviluppo imprenditoriale

Obiettivi:

L’Azienda Speciale, nel 2022, intende continuare nella promozione di azioni innovative per affrontare il problema della crescita occupazionale del territorio, anche attraverso percorsi di creazione di nuove realtà imprenditoriali, supportando la difficile fase dello startup aziendale dove l’inesperienza, l’onerosità e tanti altri fattori determinano, a volte, l’incapacità di progredire sul mercato e di espandere l’offerta di beni e servizi. A tal fine, lo sforzo principale dell’Azienda Speciale sarà rivolto a “informare” e “formare” quanti intendano creare una nuova realtà produttiva, accompagnandoli con strumenti e percorsi nell’individuazione dei mercati su cui puntare, nella concretizzazione economica della propria idea, nella valorizzazione delle proprie capacità, nella individuazione di aree di incubazione d’impresa. L’attività svolta sarà indirizzata a un più moderno concetto di collaborazione con gli stakeholder territoriali, attraverso percorsi di inserimento degli studenti nelle dinamiche d’impresa, sia sotto il profilo formativo, sia sotto il profilo manageriale, cercando di sfruttare al meglio le possibilità che esse offrono per costruire un ecosistema dinamico e che favorisca la competitività e la diffusione del sapere e dei saperi, assicurando il massimo supporto per favorire l’incontro delle idee di successo con strumenti, competenze e mezzi finanziari per svilupparle.

 

Azioni di intervento:

Anche nell’anno 2022 verrà dedicata una forte attenzione al tema della digitalizzazione, dando continuazione alle azioni intraprese, seppur separatamente dalle preesistenti Aziende Speciali, nelle precedenti annualità. In linea con l’obiettivo strategico camerale “Miglioramento quali-quantitativo della digitalizzazione e dell’ammodernamento tecnologico delle imprese”, in particolare, verrà dato un contributo significativo alla Camera di Commercio, nella realizzazione del progetto PID – Punto Impresa Digitale - il quale riveste un ruolo strategico nell’attuale situazione di difficoltà.

Le province di Rieti e Viterbo, così come il resto di Italia, a causa del perdurare dell’emergenza coronavirus, vive infatti un momento di estrema criticità, con migliaia di imprese che rischiano il tracollo. L’esigenza di digitalizzazione rappresenta un asset importante sul quale l’Ente Camerale, affiancato dall’A.S,  vuole investire, per favorire la trasformazione digitale delle imprese, soprattutto quelle di più piccole dimensioni e meno strutturate che stentano a cogliere le opportunità offerte dal mercato. Nello specifico è stato previsto il consolidamento di una struttura di servizio stabile, (Punto Impresa Digitale), volta a fare crescere la consapevolezza “attiva” delle imprese sulle soluzioni possibili offerte dal digitale e sui loro benefici, ma anche sui rischi connessi al suo mancato utilizzo. L’offerta, erogata principalmente presso la sede reatina, sarà integrata con quella del Servizio camerale PID e si declina su quattro principali tipologie di servizi gratuiti rivolti alle imprese:

- mappatura della maturità digitale delle imprese (assessment digitale);

- servizi di informazione (bandi nazionali, regionali e camerali, servizi del network I4.0;

- attività di formazione (seminari e corsi su tecnologie abilitanti);

- orientamento (verso strutture tecnologiche più specializzate, quali i Digital Innovation Hub ed i Centri di competenza ad alta specializzazione).

In particolare, il servizio di self-assessment può risultare, in questa fase di emergenza sanitaria,  ancora più utile per le imprese in quanto consente di individuare il percorso di trasformazione digitale da intraprendere per rilanciare la propria attività.

A supporto del sistema scolastico, l’Azienda Speciale interverrà a supporto degli studenti con azioni di orientamento, placement e certificazione delle competenze. Inoltre opererà al fianco dell’Ente camerale, facilitandolo nel raggiungimento dell’obiettivo strategico “incremento delle possibilità occupazionali del territorio attraverso gli strumenti dell’orientamento e dell’alternanza”. L’Azienda Speciale supporterà le imprese che intendono iscriversi al Registro dell’Alternanza scuola-lavoro: un’area aperta in cui gratuitamente le imprese, gli enti pubblici e privati, le associazioni e i professionisti che vogliono investire sullo sviluppo educativo e professionale dei giovani, possono iscriversi mettendo a disposizione percorsi formativi presso le proprie strutture. L’Azienda Speciale inoltre promuoverà programmi formativi su tematiche di attualità e di specifico interesse per il sistema delle imprese e delle professioni finalizzati a qualificare ed aggiornare i partecipanti. La proposta di attività si caratterizza attraverso iniziative di carattere seminariale che consentano di ridurre il gap di preparazione sulle aree tematiche individuate. Tali attività saranno realizzate con contributi camerali e con contributi dei partecipanti o degli Enti ed Istituzioni affidatarie.

E’ prevista la prosecuzione delle iniziative di aggiornamento, assistenza  rivolte alla rete degli Sportelli Unici per le Attività Produttive sul tema della semplificazione.

Proseguirà inoltre nell’anno 2022 la realizzazione delle attività di rilevazione nell’ambito del Progetto Sistema Informativo Excelsior “Attività di monitoraggio continuo dei fabbisogni professionali per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro”. Il personale dell’Azienda Speciale, integrerà il personale camerale, operando  nell’azione di sensibilizzazione del sistema imprenditoriale del territorio per la partecipazione all’indagine, nel recall e personalizzazione del rapporto con le imprese e  nella rilevazione e controllo qualità dei dati raccolti.

 

Strumenti operativi:

La Camera di Commercio, anche per il tramite della sua Azienda Speciale, mediante il proprio Punto Impresa Digitale, garantirà alle aziende un aiuto concreto e qualificato per reimpostare la comunicazione della propria azienda e gestire così la crisi in maniera pro-attiva in modo da acquisire consulenze specialistiche per individuare le strategie di comunicazione adatte alla gestione della crisi e tornare a far business. Verranno inoltre potenziate ed incrementate le piattaforme a disposizione: tra queste, il portale PID, accessibile da  www.puntoimpresadigitale.camcom.it, la dashboard di excelsior, accessibile da  http://excelsior.unioncamere.net, che consente di avere un monitoraggio mensile dei fabbisogni professionali delle imprese italiane, il Registro nazionale dell’alternanza scuola lavoro, a cui si devono iscrivere le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili ad accogliere studenti, lo Sportello virtuale per l’orientamento al lavoro denominato “Filo” e la piattaforma “Microwork” per il microcredito ed i servizi per l’occupazione. Proseguirà, in tandem con la Camera di Commercio, l’azione di supporto nell’accesso al credito, impegnandosi a fornire in tempi rapidi alle imprese informazioni utili disponibili sul web per rispondere in modo puntuale alle eventuali richieste degli imprenditori sulle misure più significative di proprio interesse tramite l’utilizzo dei siti di riferimento della Regione Lazio, Lazio Innova, Ministero dello Sviluppo Economico, Provincia e Comune, Ufficio Speciale ricostruzione Lazio e tramite l’invio periodico di newsletter ed informative ad hoc per i soggetti interessati.

A2) Internazionalizzazione

Obiettivi:

L’Azienda Speciale, sosterrà le attività della Camera nell’ottica di incrementare il numero delle imprese esportatrici reatine e viterbesi, ricomprendendo sia quelle che non si sono mai affacciate ai mercati esteri o che lo fanno occasionalmente, sia quelle già più strutturate che vogliono incrementare il loro business. Le attività di sostegno non potranno prescindere dalla collaborazione con il sistema associativo territoriale e le altre istituzioni che supportano l’export italiano (Unioncamere Lazio, le Regioni, l’ICE-Agenzia, la SIMEST, la SACE,  oltre agli operatori pubblici e privati locali), al fine di fornire i principali strumenti, le iniziative e i servizi reali a cui può accedere l’impresa, sia a livello centrale sia a livello territoriale, in termini di formazione, informazione, orientamento e supporto finanziario.

 

Azioni di intervento:

Verrà messo a disposizione delle imprese che vogliono esportare questa opportunità, in forma gratuita, un servizio di assistenza tecnica finalizzato ad assistere le piccole e medie imprese italiane interessate ad operare sui mercati esteri mediante azioni di supporto specialistico, gratuito e personalizzato articolate in:

- informazioni aggiornate sulle opportunità e sui rischi rilevati nei paesi esteri a maggior interscambio commerciale con l’Italia;

- percorsi formativi/informativi fruibili on line attraverso webinar tematici;

- attività di affiancamento personalizzato a distanza (web-mentoring).

A queste si potranno aggiungere ulteriori interventi di orientamento e assistenza specialistica, a carattere individuale, sempre a distanza. Verrà inoltre affiancata un’intensa attività di scouting per la ricerca di partenariati, collaborazioni e partecipazione a progetti comunitari. Si provvederà alla diffusione e divulgazione delle diverse iniziative quali fiere, eventi e manifestazioni organizzate da altri soggetti ma aperte anche alle imprese dell’Alto Lazio, con la finalità di promuovere l’incontro con i mercati internazionali dove il prodotto italiano/ laziale/ locale ha ancora grandi potenzialità di espansione in termini di Export.

 

Strumenti operativi:

Nell’anno 2022 l’Azienda Speciale, per il tramite dei propri export promoter, rinnoverà il servizio dello “Sportello Internazionalizzazione”, attivato dalla Camera di Commercio con obiettivo di rafforzarne il ruolo, quale referente per le imprese locali che intendono affacciarsi sui mercati internazionali. L’Azienda Speciale si avvarrà degli strumenti di comunicazione in dotazione della Camera di Commercio: In particolare, la Piattaforma “SEI  - Sostegno all’Export dell’Italia”, è un helpdesk nato per offrire un supporto alle imprese nelle loro attività internazionali, in collaborazione con Assocamerestero e le Camere di commercio italiane all’estero. Lo Sportello “Worldpass” per l’internazionalizzazione: un punto di informazione già consolidato negli anni per le imprese che vogliono approcciare i mercati esteri.

In parallelo l’Azienda Speciale utilizzerà la piattaforma SprintLazio, il portale regionale di servizio all’internazionalizzazione del sistema economico del Lazio, una piattaforma specializzata in tema di internazionalizzazione, in entrata e in uscita, per valorizzare le eccellenze e le risorse del Lazio, offrire nuove funzionalità a favore delle imprese, favorire il dialogo e accrescere il networking internazionale. La piattaforma “Go2Market”, rappresenta invece uno strumento nelle mani degli Expert Promoter dell’Azienda Speciale per aiutare le aziende nell’individuazione dei mercati export con i potenziali più alti. Tra i partner più noti, quali ICE e Sace, l’Azienda Speciale si avvarrà del supporto della rete EEN Enterprise Europe Network (www.enterprise-europe-network-italia.eu), la più estesa rete europea di sostegno alle piccole e medie imprese, per la competitività, l’innovazione e il trasferimento tecnologico, strumento chiave dell’Unione Europea per promuovere la crescita e lo sviluppo delle PMI e supportarne il processo di internazionalizzazione.

A3)  Sviluppo locale e marketing

Obiettivi:

In una fase di crisi come quella che stanno vivendo le imprese, ormai da quasi due anni a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria Coronavirus,  è di fondamentale importanza il ruolo strategico svolto da tutte le leve del marketing, rappresentate dal prodotto, dalla comunicazione, dalla distribuzione e dal prezzo, opportunamente integrate alla luce delle peculiarità dei servizi. In tale ambito l’Azienda Speciale si pone l’obiettivo di supportare tutte le imprese dell’Alto Lazio promuovendo un modello economico basato su valori sociali ed ambientali, valorizzando i prodotti tradizionali, i luoghi di produzione e gli itinerari collegati, per favorirne il posizionamento sui mercati ed offrire motivi di attrazione turistica e di fruizione naturalistica e culturale.

In particolare sul territorio viterbese, l’attività sarà concentrata su marketing e commercializzazione del territorio, supportando l’Ente camerale nei progetti “Tusciawelcome” e le sue diramazioni del “Tuscia Experience” e del “Tusciasport”, oltre alla promo-commercializzazione del marchio collettivo Tuscia Viterbese. Rientrano inoltre in questo ambito di intervento le azioni connesse all’assistenza e allo sviluppo della rete degli Sportelli Unici per le Attività Produttive (SUAP) intesi come una vera e propria leva di marketing territoriale.

 

Azioni di intervento:

L’Azienda Speciale, intende assumere un ruolo attivo nella promozione del comparto turistico sostenendo le imprese nello sforzo di rigenerazione e adattamento, al fine di recuperare competitività e stabilità con interventi di accompagnamento capaci di affiancare le imprese nel ritrovare un nuovo equilibrio ed una rinnovata stabilità. L’Azienda Speciale, in relazione al progetto camerale “Turismo e cultura”, finanziato con l’incremento del 20% del diritto annuale,  intende proporre alla Camera un programma dettagliato di attività da realizzare, perseguendo azioni di marketing locale. Nel pieno rispetto dei vincoli normativi emanati a seguito dell’emergenza sanitaria ancora in corso, la Camera di Commercio e l’Azienda Speciale intendono valorizzare i punti di forza del settore turistico dell’areale dell’Alto Lazio e pianificare, per l’anno 2022, iniziative per la valorizzazione degli itinerari religiosi e culturali che giocano un ruolo fondamentale, perché facilitano la diffusione delle tradizioni secolari che rappresentano l’identità delle popolazioni e favoriscono lo sviluppo di un turismo sostenibile e di qualità. Il territorio reatino e viterbese, per alcuni elementi molto simile, si adatta infatti molto alle nuove esigenze di distanziamento sociale essendo ricco di numerosi luoghi di attrazione all’aria aperta.

Proseguiranno le attività di valorizzazione dei prodotti agroalimentari, sia mediante la realizzazione di eventi e degustazioni, sia mediante l’adozione di un processo continuo di trasferimento delle conoscenze. Nelle due province le azioni potranno essere realizzate in stretto raccordo con gli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali di Viterbo e Rieti e con l’Università della Tuscia quest’ultima, da più anni presente con propri corsi di laurea a Rieti.

 Verrà mantenuto costante inoltre l’impegno profuso nella diffusione e divulgazione delle diverse iniziative quali fiere, eventi e manifestazioni organizzate da altri soggetti ma aperte anche alle imprese reatine e viterbesi, per favorirne la partecipazione ai concorsi ed alle manifestazioni che consentano di valorizzare e promuovere il territorio attraverso la conoscenza delle sue produzioni tipiche e tradizionali, dell’artigianato tradizionale e della cultura, quali il “Concorso nazionale Ercole oleario”, il “Concorso regionale Ori del Lazio per il miglior olio del Lazio”, il “Concorso internazionale premio Roma per il miglior formaggio”, il “Concorso regionale per i  migliori pani e prodotti da forno” e nel supportare l’Ente camerale in tutte le iniziative attuate allo scopo di valorizzare e promuovere il territorio attraverso la conoscenza delle sue produzioni tipiche e tradizionali, dell’artigianato tradizionale e della cultura. Per ciò che concerne l’iniziativa del Marchio collettivo Tuscia Viterbese proseguirà l’attività finalizzata alla divulgazione di informazioni inerenti prodotti a Marchio Collettivo Tuscia Viterbese ed alle modalità di adesione di nuove aziende, alla redazione e modifica dei disciplinari e alle verifiche tecniche ispettive sulle imprese, ciò attraverso gli strumenti operativi di seguito dettagliati.

Verrà data prosecuzione delle iniziative di aggiornamento e assistenza rivolte alla rete degli Sportelli Unici per le Attività Produttive sul tema della semplificazione operando un continuo aggiornamento e diffusione di documenti e modelli riferiti al quadro tecnico normativo di competenza della rete degli Sportelli Unici per le Attività produttive.

Il rafforzamento del ruolo della rete SUAP va quindi vista quale reale strumento di marketing territoriale non solo per la Tuscia Viterbese, ma per l’intero territorio dell’Alto Lazio. Dovrà quindi essere attuata, in analogia a quanto realizzato nel corso degli ultimi anni sul territorio del viterbese, una capillare azione di informazione rivolta alle amministrazioni del reatino che con molta probabilità, necessitano di un allineamento a quelle che sono le conoscenze e competenze acquisite dalle amministrazioni locali che fino ad oggi hanno aderito al progetto Sportello Unico.

 

Strumenti operativi:

A partire dal 2019 la collaborazione con Isnart e con l’Unione regionale delle Camere di commercio del Lazio è stata ulteriormente implementata con la messa a disposizione della piattaforma turismobigdata.it e SIMOO++. La prima permette di estrapolare, analizzare e mettere in relazione un'enorme mole di dati eterogenei, strutturati e non strutturati in grado di cogliere appieno i fenomeni che riguardano il turismo. La seconda è invece un utile strumento per la valorizzazione integrata dei territori all’interno dei quali individua gli elementi distintivi, i prodotti e le destinazioni turistiche. Le attività ideate saranno divulgate capillarmente sul territorio.

Particolare rilevanza assume inoltre il complesso delle attività di valorizzazione e supporto al sistema dell’agroalimentare, risorsa prioritaria dell’ambito di intervento della “nuova” Camera di Commercio. In questo contesto si ritiene quattro possano essere gli strumenti attuativi del progetto 2022 ovvero:

-          la realizzazione di incontri di carattere tecnico – scientifico i cui tematismi  e contenuti saranno definiti in accordo con i competenti Ordini professionali dei Dottori Agronomi e Forestali e con l’Università della Tuscia e, nello specifico, con il Dipartimento DAFNE;

-          la realizzazione di almeno due pubblicazioni afferenti lo studio di altrettante filiere agroalimentari di rilievo del territorio di competenza della Camera di Commercio, si potrebbe puntare sulla castagna e l’olivo, colture presenti in entrambe le province ed estremamente significative dal punto di vista dell’attrattività;

-          l’avvio di un processo di analisi, applicazione e divulgazione dei temi afferenti l’Economia circolare che, come è noto, investe fortemente il comparto dell’agroalimentare e che potrà essere efficacemente supportato dal coinvolgimento dell’Ateneo viterbese che ha base anche a Rieti;

-          L’organizzazione di eventi, in collaborazione con la Camera di Commercio, di promozione del turismo enogastronomico;

-          l’organizzazione e gestione dei periodici incontri dei panel ufficiali d’assaggio interfacciandosi con i produttori, i componenti del panel e la struttura di certificazione partner della Camera di Commercio cercando di ampliare i campioni e le denominazioni interessate.

Per ultimo non si esclude la possibilità di avviare un lavoro preparatorio finalizzato a favorire la partecipazione dell’Ente camerale, inteso quale organismo di rappresentanza del sistema economico territoriale oltre che aggregatore di più ampi interessi, ai bandi che saranno proposti dal MIPAAF e finalizzati alla costituzione dei cosiddetti “Distretti del cibo”.

Nell’ambito della gestione del marchio collettivo Tuscia Viterbese si prevede nello specifico l’elaborazione o revisione di almeno un disciplinare di produzione o erogazione servizi marchio Collettivo Tuscia Viterbese, l’inserimento di almeno 10 nuove imprese in qualità di licenziatarie o affiliate (punti vendita)  e la realizzazione di almeno 50 verifiche tra i nuovi richiedenti e le imprese già licenziatarie. Per quanto invece di competenza del Progetto Sportello Unico gli strumenti operativi richiamano quanto già ampiamente testato ed erogato nel corso dell’ultimo decennio e che prevede la realizzazione di incontri periodici di aggiornamento (sia in presenza che online),  il servizio “help desk” con risposta  a specifiche richieste da parte della Rete su aspetti di natura tecnico-normativa e la produzione e diffusione diretta agli SUAP di almeno 30 infonews.

B)  Formazione

Obiettivi:

L’Azienda Speciale punta a istituire, anche attraverso la partecipazione a bandi pubblici, appositi corsi di formazione, di qualificazione, aggiornamento e specializzazione imprenditoriale e professionale, anche diretti alla creazione di imprese.

Tale attività, tipica dell’azienda incorporata “CeFAS - Centro di Formazione e Assistenza allo Sviluppo”, verrà attuata dalla neonata Azienda Speciale ed applicata a numerosi ambiti di intervento.

Azioni di intervento:

L’attività formativa, facendo propria la ormai consolidata esperienza del CeFAS, spazierà dai temi di orientamento al lavoro e imprenditorialità, all’agroalimentare, alla semplificazione SUAP, alla cultura turistica, ai temi sociali per arrivare ai temi della sostenibilità area questa che, ad esempio, investe anche il settore della gestione faunistica. Intenso sarà quindi l’impegno al fine di estendere tali attività anche sulla provincia di Rieti. Per lo sviluppo dell’articolato programma di formazione è prevista anche una contribuzione dell’Ente camerale tesa a favorire la più ampia ed agevolata partecipazione a livello territoriale. In tale ambito, le azioni che si ritiene potranno da subito trovare concreta capacità realizzativa sono di seguito descritte.

-          Sviluppo di Percorsi per le Competenze trasversali e l’Orientamento. Il ciclo dei previsti interventi, prevede la prosecuzione del rapporto di collaborazione con le istituzioni scolastiche del territorio e mira a favorire il raccordo tra mondo della Scuola e del lavoro utilizzando lo strumento degli  incontri di carattere formativo-informativo. Si prevede, oltre al completamento dell’iniziativa in fase di svolgimento nel corso dell’ultimo trimestre dell’anno 2021,  la realizzazione di almeno 2 nuovi Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento con il  coinvolgimento di almeno 40 allievi.

-          realizzazione di tre iniziative di formazione per la figura dell’Imprenditore Agricolo Professionale (IAP);

-          realizzazione di almeno venti iniziative formative volte all’ottenimento, aggiornamento e consulenza relativamente all’uso dei prodotti fitosanitari ai sensi del D.Lgs. n.150/2012;

-          realizzazione di almeno cinque iniziative di carattere seminariale e di aggiornamento tecnico – professionali rivolte a professionisti iscritti ai relativi Albi con riferimento ai contenuti del nuovo testo sulla prevenzione incendi e al settore agricolo per quello che concerne la sicurezza sulla conduzione ed uso dei trattori;

-          realizzazione di un articolato programma di iniziative corsuali e seminariali, organizzate con la collaborazione degli Ordini dei dottori agronomi e forestali e Unitus che ripercorrendo tematiche di attualità, anche in virtù di aggiornamenti normativi, consentano la formazione continua sia degli iscritti che degli operatori del settore agricolo.  

-          realizzazione di un ciclo di corsi rivolti alle figure preposte alla “Gestione faunistica venatoria degli ungulati” e che in parte prevedono il versamento di una quota di iscrizione dei partecipanti ed in parte saranno iniziative finanziate direttamente dai competenti Ambiti Territoriali. Anche in questo caso prosegue un percorso formativo già programmato e realizzato negli anni scorsi con il supporto degli Ambiti Territoriali di Caccia VT1 e VT2. Parte delle richieste di partecipazione sono già state acquisite dall’Azienda speciale e questo ha consentito l’avvio della preliminare fase progettuale e di organizzazione.  

-          realizzazione di una edizione del corso di formazione finalizzato ad ottenere la qualifica di Operatore di Fattoria didattica. L’iniziativa è già stata autorizzata al CeFAS nel corso dell’anno 2021 e questo ha consentito di realizzare, nello stesso anno, già una prima edizione del corso. 

-          realizzazione di una serie di almeno tre attività corsuali ricadenti nell’ambito di intervento delle valutazioni organolettiche delle produzioni agroalimentari. Si tratta nello specifico dell’erogazione di un percorso completo per l’ottenimento della qualifica di assaggiatore di olio di oliva, figura questa necessaria al fine di consentire l’implementazione del gruppo di panelisti dei Comitati ufficiali di assaggio della CCIAA e di un corso sulla valutazione organolettica della Nocciola Tonda Romana DOP. Attualmente il panel ufficiale è gestito dall’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Viterbo. Lo stesso Ordine ha evidenziato la necessità di formare in maniera specifica tecnici che possono quindi entrare a far parte del panel stante anche il fatto che fino ad oggi sul territorio non è stata mai realizzata alcuna attività formativa in tal senso.

 

Nel corso dell’anno la programmazione approntata potrà, in virtù di eventuali aggiornamenti o novità normative o a seguito di specifiche richieste che potranno pervenire, potrà essere ampliata nel rispetto di quelle che sono le competenze dell’Azienda speciale.

 

Sempre nell’ambito formativo è inoltre prevista:

-          la prosecuzione dell’attività di formazione finanziata dalla Regione Lazio nell’ambito dei contratti di apprendistato professionalizzante o di mestiere ex art. 4 del D.Lgs 167/2011. Sulla scorta delle iniziative erogate nelle scorse annualità si prevede per l’anno la realizzazione di almeno cinque attività formative ciascuna della durata di 40 ore.

-          la prosecuzione dell’attività formativa dedicata, almeno in prima fase, ai partecipanti i percorsi dell’obbligo formativo presso i Centri di Formazione della Provincia di Viterbo, attualmente gestiti dalla Fondazione ITS Agroalimentare la quale si farà carico di coprire i costi organizzativi e della docenza che saranno fornite dall’Azienda speciale. Si tratta di un percorso già in avanzato stato di progettazione e ulteriormente ampliato rispetto a quanto già erogato nel corso dell’anno 2021. Lo stesso vedrà complessivamente coinvolti circa 300 allievi per oltre 600 ore di formazione. E’ questa un’iniziativa che, in linea con gli indirizzi della Regione Lazio, vuole aumentare il livello delle conoscenze e competenze dei giovani allievi anche al fine di favorire un più veloce inserimento degli stessi nel mercato del lavoro.

 

Strumenti operativi:

Le attività, al fine di mantenere un elevato standard qualitativo, saranno realizzate in parte mediante il ricorso al personale interno già adeguatamente formato e qualificato sulle singole tematiche,  ma soprattutto ricorrendo a professionalità esterne selezionate sia in base alle proprie specifiche conoscenze e competenze sia in base a pregresse esperienze didattiche opportunamente documentate. La formazione avrà luogo sia in presenza che in modalità a distanza, metodo ormai consolidato a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria.

 

Le precedenti quattro linee di intervento sono inoltre integrate con progettualità che il CeFAS ha sviluppato nel corso dell’anno 2021 e che sono state presentate e positivamente accolte all’interno dei FONDI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA e, in particolare, a valere sul  Fondo Erasmus+.

In particolare si tratta delle iniziative:

-          “Landscapes that connect, smart specialisation in the creative management of the rural heritage and landscape”, con soggetto capofila Università de La Coruna (Spagna). Il progetto è stato avviato già a partire dal mese di marzo 2021.

-          “Development of universal work environment-based virtual internship model and its support system”, con soggetto capofila l’Agenzia di Stato per lo sviluppo dell’Istruzione con sede a Riga (Lettonia). Il progetto è stato dichiarato ammissibile nella prima settimana del mese di novembre 2021.

Entrambe le iniziative proposte prevedono una durata di 24 mesi.

Anche in questo caso e tenuto conto che il CeFAS ha da alcuni anni iniziato ad operare in questo specifico ambito progettuale, tale iniziale programmazione potrà vedere ulteriori sviluppi già nel corso dell’anno 2022 stante che è ormai prossima la pubblicazione di alcune call a valere sulla nuova programmazione 2021 – 2027.  

C)   Supporto Servizi Camerali

 

Obiettivi:

L’Obiettivo perseguito si configura principalmente nell’erogazione di un supporto operativo agli uffici dell’Ente camerale in quegli ambiti di attività dove le risorse umane della Camera sono sottodimensionate per numero.

Già nelle pregresse annualità, la preesistente Camera di Commercio di Rieti si avvaleva della propria Azienda Speciale per la realizzazione di una pluralità di attività di natura meramente operativa.

Per l’anno 2022, in particolare nella sede reatina, si prevede di formalizzare mediante apposito contratto di outsourcing, l’attribuzione all’Azienda Speciale di un elenco di attività a supporto degli uffici camerali.

 

Azioni di intervento:

Come definito dall’art. 3 dello Statuto, l’Azienda Speciale “Gestisce le attività demandate dalla Camera di commercio nell’alveo delle attività istituzionali e commerciali dell’Ente camerale stesso”.

Nel 2022 la Camera, nella sede reatina, si avvarrà del proprio braccio operativo, l’Azienda Speciale Centro Italia, oltre che per le attività promozionali ed i progetti, anche per attività di supporto nei seguenti ambiti:

  • Centralino;
  • Supporto alle attività del Registro Imprese;
  • Distribuzione dello SPID e attività collaterali;
  • Carte tachigrafiche;
  • Rilascio firme digitali;
  • Centralino ed attività di accoglienza di base diretta e telefonica del cliente/utente;
  • Supporto alla vidimazione dei libri;
  • Gestione eventi camerali e sala conferenze;

 

Per quanto concerne invece i servizi “strutturali” e di funzionamento interno, ricomprendenti le attività di amministrazione, gestione del personale, acquisti, logistica e controllo di gestione, particolare attenzione verrà data al tema della trasparenza dell’attività amministrativa, assicurando la piena accessibilità a dati, notizie ed informazioni concernenti l’Azienda Speciale attraverso un proprio sito, opportunamente creato.

 

Strumenti operativi:

Gli strumenti operativi utilizzati per l’espletamento delle funzioni a supporto della Camera di Commercio risultano essere i software messi a disposizione da Infocamere o da altre società del Sistema camerale. Le attività comunicative vedranno un incremento dell’utilizzo di mail ordinarie, pec e social network. Una novità sarà rappresentata dalla realizzazione di un sito internet dedicato alla nascente Azienda Speciale che consentirà di adempiere ai principi di trasparenza e privacy imposti dalla normativa. In relazione all’area amministrativo-contabile, verrà confermato l’utilizzo di software dedicati e di banche dati.  Gli acquisti verranno gestiti mediante esplorazioni di mercato e/o accesso al Mercato Elettronico della P.A., nei casi previsti dalla normativa.

 

Data di pubblicazione: 25/02/2013 14:37
Data di aggiornamento: 31/01/2022 13:57

Allegati