.:: Sito della Camera di commercio di Rieti ::.


Territorio

Capoluogo di provincia del Lazio, nella regione sabina, sorge a poco più di 400 m. sul livello del mare in una fertile piana percorsa dal fiume Velino che costituì per largo tratto una difesa naturale lungo il versante meridionale.

E’ delimitata dai Monti Sabini e dai Monti Reatini dominati dal Monte Terminillo (m.2218); un’altura calcarea ne costituisce la parte più elevata e centrale circondata da altre colline: S. Mauro o Colle dei Cappuccini, S. Antonio al Monte (entrambi sedi conventuali), Belvedere. Il nucleo originale s’andò progressivamente estendendo anche sulla riva sinistra del Velino inglobando il Borgo Sant’Antonio, di antica pertinenza dell’Abbazia di Farfa.

La sua pianta, secondo la descrizione degli antichi storici locali, ha forma di triangolo isoscele con base ad ovest, strade strette ed in pendio.
Il Velino, subaffluente del Tevere per il tramite del fiume Nera, ha come affluenti il Turano e il Salto entrambi sbarrati da dighe che hanno creato laghi artificiali, cambiando così, nelle rispettive valli, il paesaggio montano.

Si è così regolato il corso dei fiumi che, provocando rovinose inondazioni, da sempre avevano costituito un freno ad un più ampio insediamento.
In questa ottica era rientrata, fin dall’epoca romana, la formazione della Cascata delle Marmore che fece defluire le acque del “lacus Velinus” nel sottostante fiume Nera, di cui sono bacini residuali i due laghetti di Ripasottile e Cantalice. A testimonianza dell’abbondanza della preziosa acqua si rammentano pure le sorgenti dell’Acqua di Fonte Cottorella, di cui si è avviato lo sfruttamento industriale, le Terme di Cotilia in un territorio ricco di acqua sulfurea, delle sorgenti del Peschiera e delle Sorgenti di Santa Susanna.

Il Terminillo, definito nei primi decenni del secolo la “Montagna di Roma”, con le sue attrezzature per gli sport invernali, è nota località sciistica del Lazio e, più in generale, dell’Appennino Centrale.
Il Comune di Rieti conta attualmente 47774 residenti mentre l’intera provincia, costituita da 73 comuni per una superficie di 2749,16 kmq, conta attualmente 160.467 residenti.
La provincia è stata costituita nel 1927 con territori enucleati dalle province de L’Aquila e di Roma, dopo essere stata, dai tempi dello Stato Pontificio fino ai primi decenni del Regno d’Italia, unita alle Delegazioni dell’Umbria.

Il territorio è prevalentemente montano. Il 79,33% è infatti classificato montagna come zona altimetrica ed il restante 20,67% è classificato collina interna.
I principali fiumi della provincia di Rieti sono: il Salto, il Velino, il Farfa, il Galatina, il Tronto, il Corno; mentre i principali laghi sono: il Lago del Salto, del Turano, di Ripasottile, Scandarello, Lungo e quello di Ventina.

 

 

Data di pubblicazione: 12/06/2012 12:17
Data di aggiornamento: 13/06/2012 13:05